€ 9,90

Codice: ART0840
VINO ROSSO SEDILESU "SARTIU" CANNONAU DI SARDEGNA DOP BT. CL.75

  • Territorio di origine: Sardegna
  • Azienda produttrice: Sedilesu
  • Denominazione legale: Cannonau Di Sardegna DOP
  • Vitigno: Cannonau
  • Gradazione alcolica (% vol.): 14.5
  • Invecchiamento in legno: NO
  • Formato: bottiglia cl.75

Cenni sull’Azienda/ Territorio / Metodo di vinificazione/ Metodo d’invecchiamento:

Trenta anni fa l’acquisto del primo ettaro di vigneto coltivato direttamente con l’aiuto dei tre figli. L’azienda lungo questi anni è cresciuta insieme alla famiglia. Grazie a Dio. Mamoiada è un paese della Sardegna al centro della Barbagia. Paese dei Mamuthones, ha nella maschera tradizionale un grande patrimonio rimasto integro dopo migliaia di anni, che affonda le sue radici nelle ritualità sacre delle antiche popolazioni locali. Mamoiada è posta a 650 metri sul livello del mare ed i suoi terreni agricoli hanno origine da disfacimento granitico. L’Azienda Giuseppe Sedilesu ha nell’agro di Mamoiada quindici ettari di vigneto a Cannonau, allevato ad alberello, e piccole superfici di uve bianche chiamate in loco Granazza.L’azienda è a base familiare con Giuseppe e Grazia, oggi ultra settantenni, che sono stati gli iniziatori ed i loro tre figli Antonietta sposata con Emilio, Francesco con Rosa e Salvatore con Mariella con le rispettive famiglie, 13 figli in tutto, che seguono l’azienda. L'azienda vitivinicola è nata 35 anni fa con l’acquisto del primo ettaro di vigneto. Per anni hanno prodotto vino sfuso che vendevamo nei paesi vicini. Ma nell’anno duemila, con il passaggio dell’attività a noi figli, pensarono di provare ad imbottigliare il loro Cannonau, per vedere se quei profumi ed il gusto, incarnati fin dall’infanzia, potessero essere apprezzati in una fascia di mercato di alta qualità. In questi dieci anni hanno raddoppiato la base produttiva, costruito la nuova cantina e si apprestano ad avviare l’attività agrituristica ed enoturistica. Fanno parte del consiglio di amministrazione del Consorzio di Tutela del DOC Cannonau di Sardegna e della Strada del vino Cannonau che avvia ora i primi passi.

ANALISI SENSORIALE

  • Colore: Limpido, rosso rubino carico. Consistente.
  • Profumi: Intenso, abbastanza complesso e fine. Elegante al naso, con sentori olfattivi che ricordano la frutta rossa matura, i quali si uniscono a speziature e sfumature di tabacco e caffè
  • Sapori: Secco, caldo e morbido. Ha una buona struttura in bocca, è cremoso e piacevolmente tannico. Molto armonico. Questo vino giovane fa sentire la frutta rossa matura e le spezie risultando sempre molto equilibrato.
  • Abbinamenti: Si esalta con la cucina di terra saporita, e special modo con i secondi piatti a base di carni rosse e cacciagione. Ottimo con gli gnocchi al sugo di brasato.
  • Temperatura di servizio (°C): 16-18
  • Shelf life (vita del prodotto): 7 anni.
  • Perché ci piace, la nostra opinione: Il Cannonau di Sardegna DOC “Sartiu” è l’ultimo nato in casa Sedilesu ma, come se ce ne fosse bisogno, dimostra l’eccelsa qualità che la cantina sarda riesce a raggiungere vinificando le uve di cannonau. La fermentazione avviene senza lieviti aggiunti e l’invecchiamento prevede due anni di riposo in botti grandi di rovere, e sei mesi di affinamento in bottiglia. È un vino che nasce da vigne che regalano uve concentrate, ricche e schiette. È articolato e complesso, ma anche cremoso ed elegante.

Altre informazioni sul vino:

La denominazione Cannonau di Sardegna DOC comprende l’intera isola, dal Sulcis e da Cagliari a sud, fino alla Gallura a nord, una distanza di circa 260 km. La denominazione fu introdotta nel giugno 1972, all’incirca nello stesso periodo del Moscato di Sardegna DOC. A questa denominazione corrisponde una produzione di circa un quinto del totale dei vini Sardi.I vini della denominazione sono prodotti con il vitigno Cannonau, nome locale per la Grenache. Per molto tempo si è pensato che la varietà sia arrivata in Sardegna con gli Aragonesi quando conquistarono l’isola all’inizio del XIV secolo (dalla regione di Aragona, in Spagna). Tuttavia negli ultimi anni sono stati trovati degli indizi che suggeriscono che il Cannonau (e quindi la Grenache) potrebbero in realtà aver avuto origine proprio qui in Sardegna. La denominazione comprende sia vini rossi che rosati, una tipologia riserva e una liquorosa. Per ottenere la menzione riserva, un Cannonau di Sardegna deve avere un titolo alcolometrico minimo del 13% in volume ed essere invecchiato per almeno due anni prima dell’uscita commerciale. I vini della versione liquorosa sono più dolci e più ricchi in alcol, con una gradazione alcolica compresa tra il 17,5% (il minimo legale) e il 20% in volume. Sono vini intensamente dolci e saporiti che si abbinano bene ai dessert, in particolare quelli con fichi, prugne, cioccolato fondente o frutta cotta. Esiste anche una versione liquorosa secca. I migliori esempi di Cannonau di Sardegna sono probabilmente quelli della parte sud e orientale dell’isola, nelle province di Nuoro e Sud Sardegna. All’interno di queste province, tre sottozone sono state ufficialmente riconosciute come aree di produzione per vini Cannonau di particolare qualità. La prima è Nepente di Oliena (o Oliena), per i vini della città di Oliena, in provincia di Nuoro. Il secondo è Capo Ferrato, con i comuni di Castiadas, Muravera, San Vito, Villaputzu e Villasimius nell’angolo sud-orientale dell’isola. Il terzo è Jerzu, per i vini dei comuni Jerzu e Cardedu. I vini della zona più antica, che comprende la provincia di Nuoro, portano la menzione classico. I vini della denominazione Cannonau di Sardegna DOC hanno attirato notevole attenzione negli ultimi anni, non solamente per la loro qualità, ma anche per la longevità degli abitanti delle loro zone di produzione. Infatti molti Sardi arrivano a superare bene i 90 anni e in molti casi arrivano ad oltre 100, con l’alimentazione dell’isola solitamente indicata come fattore determinante. I vini della Cannonau di Sardegna DOC sono ricchi di antociani e polifenoli, composti ricchi di antiossidanti, benefici per la salute del cuore.

A cura del sommelier A.I.S (Associazione Italiana Sommelier) : Maurizio Giovannetti

John Doe – June 29, 2014 - 11:23

Proin eget tortor risus. Cras ultricies ligula sed magna dictum porta. Pellentesque in ipsum id orci porta dapibus. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Maecenas metus nulla, commodo a sodales sed, dignissim pretium nunc. Nam et lacus neque.

John Doe – June 29, 2014 - 11:23

Proin eget tortor risus. Cras ultricies ligula sed magna dictum porta. Pellentesque in ipsum id orci porta dapibus. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Maecenas metus nulla, commodo a sodales sed, dignissim pretium nunc. Nam et lacus neque.


Menù

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cookie Policy Accetta